Il Papa lascia. E io sono contento.


In questi minuti ci è giunta la notizia, confermata dal Vaticano, che il Papa, Benedetto XVI, lascerà il pontificato a fine febbraio.

Certo, anche mentre scrivo faccio fatica a crederci, è un evento assolutamente fuori dall’ordinario. Se vado a memoria mi sembra che un caso analogo nella storia ci sia già stato, ma di sicuro nelle prossime ore e nei prossimi giorni avremo modo di essere informati su ciò da persone più erudite sull’argomento.

Pare che la causa dell’abbandono sia l’eccessivo peso dell’incarico, unito all’età. Devo dire che negli ultimi tempi del pontificato di Giovanni Paolo II ho spesso pensato che sarebbe stato giusto che lui avesse potuto vivere serenamente e senza sforzi gli ultimi anni della sua vita. E da questo punto di vista trovo che la scelta di Ratzinger sia giusta.

Ma soprattutto, quello che mi viene da dire è: meno male.

Massimo rispetto per l’autorità, ci mancherebbe, ma Ratzinger, fin dal momento in cui si è affacciato per la prima volta al balcone, non mi è mai entrato nel cuore e credo che la stessa cosa valga per tante persone.

La prima apparizione di Benedetto XVI


La prima apparizione di Benedetto XVI

Mi ricordo perfettamente il momento: mi trovavo davanti alla televisione in attesa. Quando annunciarono il nome del Cardinale Ratzinger e lo vidi apparire pensai “Che brutta faccia!”.

Ripeto, non voglio sembrare in alcun modo irrispettoso nei confronti del Papa, mi riferisco all’uomo.

E non si tratta di fare un paragone umano con il suo predecessore: è proprio una questione non solo di pelle ma di indirizzo che ha dato alla Chiesa. Un indirizzo contrario rispetto a quello di Wojtyla, che era improntato al dialogo, all’apertura verso il mondo. Se possibile, Benedetto XVI ha portato in San Pietro un’ombra di oscurantismo che non può assolutamente non apparire in contrasto con la luce che Giovanni Paolo II aveva rappresentato.

Ci siamo trovati un Papa che per 24 anni, dal 1981 al 2005, è stato Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, ma in questo caso è forse opportuno ricordare che in passato, fino al 1602, il “Prefetto” era chiamato “Grande inquisitore”. Ecco, io in Ratzinger ho sempre visto un inquisitore, piuttosto che un Papa.

Magari mi sbaglio, ma se dovessi dire che sono dispiaciuto che Ratzinger abbia preso questa decisione sarei un bugiardo. E posso dire tranquillamente di essere contento della sostituzione visto che questa volta non si è dovuto attendere un decesso.

Chissà cosa sceglierà adesso la Chiesa: un Papa di transizione? Può darsi, soprattutto se come sembra la notizia è stata del tutto inattesa. Ma magari ci possiamo anche aspettare qualcosa di nuovo, qualcuno che riprenda la via di Wojtyla.

Magari possiamo sperare in un Giovanni Paolo III. Tra poco meno di un mese dovremmo avere la risposta.

Annunci

2 pensieri riguardo “Il Papa lascia. E io sono contento.

  1. Io e molte amiche mie abbiamo detto la stessa cosa quando lo abbiamo visto per la prima volta a vederlo così a primo impatto…. naturalmente come hai detto tu massimo rispetto per carità però non so ho sempre preferito più papa Wojtyla ^^

    Mi piace

    1. Appunto, secondo me anche se, come alcuni dicono, nel momento in cui viene eletto l’uomo/Cardinale cessa di esistere e c’è solo il Papa, non possiamo fare a meno di avere una simpatia più o meno spiccata nei confronti di un Papa piuttosto che di un altro. Di sicuro non lo giudico (parola già di per sé infelice) per “la faccia” ma personalmente credo che i passi fatti in avanti grazie a Wojtyla siano stati in parte cancellati da Ratzinger. Pertanto spero che questa rinuncia porti nuova linfa ad una chiesa che sinceramente ne ha tanto bisogno.
      Grazie mille per il tuo commento!!!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...