I segreti della 74^ edizione di Miss Italia


Dite la verità, maschietti desiderosi di bearvi con le sinuose curve delle aspiranti miss: adesso che siete sicuri di poter vedere la 74^ edizione di Miss Italia avete tirato un sospiro di sollievo, vero?

Eh, lo so. Dopo la porta chiusa da parte della Rai, il concorso di bellezza più famoso del Paese sbarca su La7, che si conferma il luogo in cui si prende tutto ciò che le altre emittenti non vogliono più, tra giornalisti e programmi tv. Inizialmente sembrava il canale destinato a cambiare la televisione, a dar voce a chi altrove rischiava di essere imbavagliato. Ma ora mi sembra sempre più simile ad una centrale di riciclaggio. Chissà, forse anche qui un giorno vedremo il programma di Real Time in cui sono protagoniste persone che mangiano le imbottiture dei cuscini, si fanno clisteri di caffè o vorrebbero sposare i propri peluche.

Chissà.

Ma veniamo a Miss Italia, ricordando che quando la Rai decise di non rinnovare il contratto del programma, l’On. Boldrini (sì, sempre lei) aveva definito quella scelta come “moderna e civile“.

Pertanto, visto ciò che è successo pochi giorni fa, ecco quello che mi aspetto nei prossimamente:

  1. Il Presidente della Camera inviterà il Paese ad una profonda riflessione sul ruolo del bikini dal Medio Evo ad oggi;
  2. Urbano Cairo, editore di La7, alla domanda “Farebbe un programma analogo riservato ai transessuali?” dirà di no, ritenendo che, personalmente, ritiene la bellezza femminile più interessante;
  3. Per tali affermazioni finirà sul patibolo e per farsi perdonare dovrà apparire in spot promozionali del prossimo Gay Pride vestito da Drag Queen.

Per quanto riguarda la prossima edizione del concorso, il passaggio di rete offre l’occasione per un bel restyling ed in effetti i colpi di scena non mancheranno. A partire dai presentatori.

pippo.ilpuntodilello

Tramontata l’ipotesi di affidare la conduzione ai pupazzi Uan, Four e Five, che hanno rifiutato per non rovinare la loro immagine di personaggi televisivi seri, gli autori hanno a lungo corteggiato Pippo, il celebre ippopotamo delle pubblicità Lines. Il contratto era già pronto, tutto andava per il verso giusto, fino al dietrofront del mammifero blu, che ha deciso di non mettere l’impronta della sua zampa sull’accordo. “Sono abituato a raccogliere litrate di pipì – avrebbe dichiarato – ma non a ricevere palate di merda dalla critica“.

Smarriti, gli autori hanno ripiegato sulla bellezza indiscussa della ex Miss Francesca Chillemi (che rischia seriamente di essere l’unico buon motivo per vedere il programma) e sulla simpatia di Massimo Ghini (oh, gente, questo offriva il convento!). Entrambi, ricevuta l’offerta, si sono presi una decina di minuti per consultare l’agenda vuota ed hanno accettato.

Poi qualcuno ha proposto di creare un trio di presentatori, ed ha fatto il nome di Cesare Bocci, sul quale nessuno ha avuto da ridire. O da dire. Anche perché, a dirla tutta, quando è stato fatto questo nome sono andati tutti su Wikipedia a cercare di capire chi cazzo fosse.

 Il trio dei conduttori: Massimo Ghini, Francesca Chillemi e Cesare Bocci. (Fonte: ansa.it)


Il trio dei conduttori: Massimo Ghini, Francesca Chillemi e Cesare Bocci.
(Fonte: ansa.it)

Presentatori a parte, il programma promette di riservare grandi colpi di scena. E per questo sono stati consultati gli autori del serale di Amici, ai quali le trame di Jeffery Deaver o di Ken Follett fanno una pippa. Infatti, il regolamento sarà talmente incasinato che non ci si capirà una mazza.

Una delle ragazze eliminate al primo turno potrà rientrare in gara in base al televoto, che definirà un gruppo di aspiranti Miss che si sfideranno in un girone all’italiana in scontri sui temi cari al concorso, come “Vuoi più bene alla mamma o al papà?“, “Un parere sulla pace nel mondo“, “Il ruolo dei nonni“. Le prime due ragazze del girone si affronteranno in uno scontro diretto in stile Van Damme (conosceteleregolenoncisonoregole) e quella che resterà in piedi rientrerà in gara.

Ancora tanti dettagli sono da definire, ma pare che siano previste prove in stile Shopping Night, con Rudy Zerbi, Maria de Filippi e Gerry Scotti a fare da giudici. Secondo alcune indiscrezioni, l’unico aspetto di continuità con le precedenti edizioni dovrebbe essere l’assenza di rilevazione dell’encefalogramma piatto.

Beh, se le cose dovessero stare davvero così potrebbe essere realmente un’edizione interessante, da guardare con la stessa trepidazione mostrata da Fantozzi per Inghilterra-Italia:

Purtroppo, temo che sarà la solita accozzaglia di inutili interviste per ottenere ancora più inutili risposte, sfilate di ragazze in buona parte fomentate dai genitori e sketch dei presentatori preparati a tavolino che non faranno ridere.

Ovviamente sono pronto ad essere smentito, ma nel frattempo mi consolo con un vecchio classico di Fantozzi.

Se questa fosse la vera essenza di Miss Italia si potrebbe dire che almeno  questo concorso servirebbe a qualcosa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...