La pasta all’estero: quando la pecunia non olet


Dopo aver già toccato l’argomento, rieccomi a parlare di pasta all’estero ed in particolare della mitica Panzani, di cui abbiamo già ampiamente discusso in un post del 2012.

Ormai, quando giro per gli scaffali dei supermercati francesi, mi diverto a fare una capatina nel reparto pasta per vedere se ci sono delle novità. Che poi non sono delle vere e proprie novità, ma solamente prodotti che non avevo notato in precedenza. Ed ecco che stavolta la mia attenzione è stata attirata da un bel barattolone da 400 gr di ravioli di pura carne bovina.

20140307_170627Ah, i cari vecchi ravioli in scatola con salsa italiana della nonna. Altro che “Dove c’è Barilla c’è casa“: qui è il caso di dire che dove c’è un focolare c’è Panzani!Proseguendo la ricerca mi sono imbattuto in altri spettacolari prodotti dell’ingegno dei tecnici panzaniani, come i tortellini in busta ai quattro formaggi o quelli con prosciutto crudo e parmigiano. Sarei curioso di vedere conversare queste persone con lo chef Bruno Barbieri, magari accompagnato da qualche rezdora emiliana. Altro che mappazzoni!

20140307_170750Eppure, per chi volesse il prodotto confezionato, come potete vedere, la Barilla un’opzione la offre. Ma con successo molto modesto.

Dovete sapere che in Francia stanno provando a fare un po’ di educazione alimentare e quando in tv compaiono pubblicità di prodotti alimentari (cibi, bevande, catene di fast food) queste sono sempre accompagnate da messaggi in cui si invita al consumo di verdure e di frutta e ad evitare gli spuntini fuori dai pasti, con un richiamo continuo al sito www.mangerbouger.fr, sul quale “Manger Bouger” viene presentato come un programma nazionale per la corretta alimentazione.

Chapeau. Tanto di cappello. Sicuramente è molto di più di quanto si faccia attualmente in Italia.

Ad ogni modo, mentre stavo facendo zapping dopo cena ho capito tutto. Ho capito chi va a dire ai francesi che se vogliono mangiare italiano devono usare i prodotti Panzani. Volete saperlo? Godetevi questo video 🙂

Capito? Ornella Muti, ormai trasformatasi da sex symbol (e che sex symbol!) in reclame della chirurgia plastica, ha praticamente un orgasmo nell’assaggiare la salza Provençale aux tomates fraîches (salsa provenzale ai pomodori freschi) della Panzani e… chi lo sa, magari quella spalmatina di salsa sul naso della bambina potrebbe lasciare presagire che questo prodotto fa bene anche alla pelle! Dai, tutti a cospargersi di pomodoro, olè! Già li vedo i francesi a reagire come la signora del film Harry ti presento Sally che, dopo aver assistito all’orgasmo di Meg Ryan, ordina “Quello che ha preso la signorina“.

No, dai, parlando seriamente, la cosa mi fa molto ridere. In Italia la Muti è passata (forse ingiustamente) nel dimenticatoio ed ogni tanto compare sui giornali o in tv per parlare bene della Tisanoreica. Oltre confine, invece, va a dire ai francesi che se vogliono le emozioni della cucina italiana hanno un’unica possibilità: i prodotti Panzani.

Tradotto: in Italia, Paese in cui la cucina è una religione, rompe le palle con quella robaccia della Tisanoreica ed in Francia, dove la cucina è altrettanto sacra, va a reclamizzare prodotti liberamente ispirati all’Italia ma che di italiano non hanno nulla. E francamente non vedo perché i francesi dovrebbero avere il bisogno di mangiare italiano.

Insomma, è proprio vero che pecunia non olet e che bisogna pur mangiare. Ma a questo punto vorrei sapere dalla Muti che cosa mangia a casa sua: fa la dieta Tisanoreica (non la commento neppure) o si strafoga di ravioli “pur boeuf” accompagnati da “sauce italienne“?

Bah, sapete che vi dico? Magari la pecunianon olet” ma non sarei così sicuro di quello che bolle in pentola in casa Muti.

Bon appétit.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...