Il trash in tv ed i 5 programmi più attesi del 2015


Oggi, guardando distrattamente la pubblicità su Real Time, mi sono chiesto: ma quante e quali cazzate riusciamo a guardare in tv?

Dico “riusciamo” perché io sono il primo della fila ad appassionarmi a programmi trash. Però ce ne sono alcuni che davvero mi lasciano perplesso, perché mi fanno pensare a quanto si possa scatenare la mente umana per dare da mangiare ad un popolo di teledipendenti sempre più (ma qualitativamente meno) esigente.

Ormai ci sono tutti i programmi sulle professioni più impossibili: da quello che fa l’assaggiatore di coccodrilli a quello che collauda sonde anali per piranha, da quello che fa a braccio di ferro con gli elefanti al racconto della vita del più famoso collezionista di pustole del Mondo.

Oltretutto, siamo in quel periodo dell’anno in cui molte delle nostre serie televisive preferite ci hanno lasciato a piedi per ricominciare più avanti, magari in autunno. Quindi c’è poco da scherzare, si va in astinenza da tv e qualunque porcata va bene. Come fare senza The Walking Dead, House of Cards, The Americans? Questi sadici sceneggiatori non vorranno mica che si trombi tutte le sere, no?

Ecco quindi che può avvenire che ci si lasci circuire da serie di dubbio gusto, che hanno trovato in Real Time il terreno più fertile possibile per prosperare.

Pensate al programma Io e la mia ossessione, che illustrava una vasta gamma di soggetti con delle vere e proprie turbe. Ma roba pesante, non crediate! Una volta ho visto raccontare la storia di due coniugi che collezionavano pupazzi che trattavano in tutto e per tutto come bambini e che organizzavano ritrovi con altri come loro. Spendevano tutti i loro risparmi per far stare bene i pupazzi. Io non lo so, ma da gente così mi aspetto che impaglino il coniuge una volta morto e lo mettano sul dondolo in veranda.

Un’altra volta c’era la storia di una ragazza che aveva una sola passione: farsi clisteri con taniche di caffè. Roba da far rivalutare il mestiere della porno attrice, perché sicuramente è molto più naturale quello che infilarsi per piacere personale un clistere su per l’ano.

Ci sono poi programmi ancora più assurdi, tipo quello che raccoglieva le migliori/peggiori storie di incidenti sessuali. C’era il tizio che si era ridotto il pisello a fisarmonica gettandosi dall’armadio e mancando clamorosamente la sua bella che lo attendeva a gambe aperte. Una roba che fa male a pensarci, poi fa ridere ed infine fa riflettere: gli astronauti per compiere manovre di precisione si allenano anni e tu pensi di centrare il bersaglio lanciandoti in volo? Se ne sei così sicuro o la tua dolce metà figura nella categoria del (molto) usato sicuro e quindi il bersaglio è bello grosso o sei un folle.

C’è la serie di programmi “da incubo“, in cui un esperto di un qualche settore aiuta altri a non fallire. E finché si parla di Cucine da Incubo, Ristoranti da incubo, Hotel da incubo, kitchen-nincubi da incubo, ecc, mi sta bene, è anche interessante. Se sei un ristoratore con un piede nella fossa e ti trovi davanti Gordon Ramsay devi essere un coglione per non ascoltare quello che ti dice. Oppure ti trovi davanti Antonino Cannavacciuolo ed in tal caso puoi solo prenderti la tua parte di colpa, perché se volevi Ramsay non avresti dovuto aprire il ristorante in Italia. Ma quando arriviamo a Tabata mani di forbice e ti trovi questa tizia con l’espressione da mestruata perenne che urla in faccia a dei poveracci che però ritengono che se lo possa permettere perché è lei che pettina il cane di Brad Pitt allora vuol dire che siamo alla frutta.

Eh vabbè, direte voi, che ci possiamo fare?“. E io vi dico: perché ve lo chiedete? Sono o non sono qui per aiutarvi?

Dovete avere fiducia! Soprattutto perché entro la fine del 2015 partiranno alcuni programmi di cui sono autore e che vi terranno incollati allo schermo come Villaggio in Fantozzi contro Tutti.

fantozzi

Non ditelo al paziente. Questo format rappresenta l’evoluzione di Non ditelo alla sposa, in cui un futuro single prepara da solo il matrimonio tenendo all’oscuro la moglie (cioè la sua futura ex), arrivando perfino (follia) a scegliere l’abito. In Non ditelo al paziente una persona presa a caso dalla strada diverrà protagonista: indosserà i panni di un chirurgo ed entrerà in una vera sala operatoria per eseguire operazioni di ogni tipo. Il tutto senza che il paziente sappia chi lo sta operando! Una garanzia, risate assicurate soprattutto quando il paziente, qualora dovesse sopravvivere, a fine puntata (cioè a fine operazione o dopo l’eventuale periodo in rianimazione) verrà a conoscenza della vera identità del chirurgo. 

CHI bolle in pentola? Sottotitolo: “Al cannibale (leggasi “cannibàle”) ogni scherzo vale“. chi bolle in pentola_ilpuntodilelloCooking show in tour tra le ultime tribù di cannibali del globo. Alcuni aspiranti chef avranno il compito di far assaggiare ai capi villaggio i piatti da loro preparati, ma… attenzione: si tratta di cibi vegetariani vegani mascherati da piatti di succulenta carne umana. Ecco lo scherzo! Ma solo alla fine scopriremo se i cannibali avranno gradito oppure no. Perché quando lo scherzo verrà scoperto la giuria tenderà ad incazzarsi di brutto e provvederà ad eliminare il concorrente. Tuttavia, contrariamente agli altri talent show, in questo caso l’eliminazione si trasformerà in una festa, grazie alla quale potrete imparare nuove ricette tipiche della tradizione culinaria dei mangiatori di carne umana. Volete favorire? ricordate che non potete dire che non vi piace se prima non avete assaggiato… 

Borseggiatori da incubo. Ispirato più al già citato, utilissimo ed interessantissimo Tabata mani di forbice che alla saga di cucine/hotel da incubo, questo bellissimo reality vede protagonista Peppe o’ mariuolo, il borseggiatore preferito delle star di Hollywood, che corre in aiuto di gang di ladri che rischiano il fallimento. Dapprima osserva come si muovono, li vedrà farsi arrestare, scippare persone che non hanno neanche gli occhi per piangere, farsi rubare il protafogli. Poi, con le mani nei capelli, riunirà lo staff scoprendo che alla base della disorganizzazione c’è un mancato rispetto dei ruoli e anche qualche vecchio rancore tra parenti. Poi, nottetempo, il suo staff fornirà ai protagonisti strumenti all’avanguardia per compiere il loro lavoro ed alla fine della puntata si valuteranno i risultati ottenuti.

La pupa e il secchione. Forse il titolo più atteso, liberamente ispirato pupa_e_il_secchione_ilpuntodilelloai due reality già realizzati. Protagoniste dello show saranno le tradizionali 10 mentecatte mozzafiato che, alloggiate in una mastodontica villa, dovranno cercare di raggiungere la finale in base al gradimento del pubblico. Tutto dipenderà dal loro rapporto con il secchione che verrà loro affidato. Solo che al momento dell’accoppiamento scopriranno di dover far coppia non con uno studente dal quoziente intellettivo a 4 cifre, bensì con un enorme secchio pieno di acqua e sapone. Così potranno fare sfoggio delle loro abilità nello scopare e potranno davvero farlo con passione, per pulire da cima a fondo la villa. Sorprese a non finire in un’escalation ad alta tensione di prodotti da pavimenti, per il legno e per la cucina. 

Allora? Che ve ne pare? Avete già le vostre preferenze?

Oh, mi raccomando: la sera non parlate con nessuno, non leggete, non uscite, non copulate. Se scopro che non guardate la tv mi incacchio… 🙂

Annunci

5 pensieri riguardo “Il trash in tv ed i 5 programmi più attesi del 2015

  1. Io e la mia ossessione non sono mai riuscita a vederlo. 24ore in sala parto lo guardavo poco prima di rimanere incinta di Poldino, poi ho smesso di colpo ehehe.
    Mi piaceva CERCO CASA DISPERATAMENTE (non Vendo) perché adoravo veder quelle mega case da sogno. Poi ho smesso pure con quello perché mi sembrava una presa per il culo l’idea che ci siano davvero coppie sotto i 30anni che si possano permettere case SENZA LIMITI DI BUDGET!!!
    Hai un futuro come sceneggiatore Lello!

    Mi piace

    1. La cosa fastidiosa di Cerco casa disperatamente era che la famiglia chiedeva un appartamento con 3 bagni ed un budget di X e la Marella proponeva una villa con bagno singolo (esterno) del costo di 2X. “È un po’ fuori budget ma valeva la pena di mostrarvelo…”.

      Liked by 1 persona

  2. Ricordo una puntata di io e la mia ossessione in cui una tipa mangiava i peli del gatto: secondo me certa gente non andrebbe messa in tv a ispirare altri matti!! O al massimo possiamo metterli in programmi tipo “Chi bolle i pentola” ché almeno avrebbero un’utilità…come pasto! 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...