Romanticismo: quello che la televisione non dice


Dobbiamo renderci conto che l’uomo, inteso come maschio, fa parte di una categoria che dovrebbe essere più tutelata, perché si rischia l’estinzione. Non oggi, non domani, ma fra un po’ di tempo.

E la colpa di chi è? In gran parte della televisione, che non dice tutta la verità ma, al contrario, presenta una realtà artefatta e nasconde abilmente cosa c’è dietro il sipario.

Pensate, ad esempio, all’idea di romanticismo che ci propone la televisione e riflettete. Abbiamo già discusso di alcuni aspetti che sono al limite della fattibilità nella vita reale quando si parla di proposte di matrimonio (cliccate qui), ma c’è una scena che di sicuro chiunque di voi ha visto almeno una volta nella vita e nel farlo ha pensato “Wow, che figata, anch’io!!!“. Descrivo la scena: lui la va a prendere, la porta in un posto sperduto, oppure nel suo appartamento o comunque in un luogo in cui i due piccioncini saranno soli soletti. Che poi, apro e chiudo una parentesi: continuiamo a parlare degli innamorati come dei piccioncini, ma io spero che contrariamente agli animali veri e propri non mi vengano mai a scagazzare sulla macchina.

869e9a284cb08770b58562ef982b9778

Comunque, la scena è generalmente questa: lui apre una porta e come per magia, la coppia si trova in una stanza in cui c’è un tavolo apparecchiato con la cena servita, il vino nel ghiaccio e candele accese come se l’ENEL avesse tagliato la corrente.

Bello vero? Eh sì.

E chissà a quanti sarà capitato di sentirsi dire “Ecco, tu una cosa come questa non l’hai mai fatta per me!“.

Certo, non l’avete mai fatta. Perché è una cosa IMPOSSIBILE.

Il problema che io mi pongo quando vedo queste scene è il seguente: se il tizio romantico è andato a prendere la ragazza, chi cazzo ha acceso le candele, messo il vino in fresco e servito la cena?

Perché quello che i due si trovano davanti non sono mozziconi di candela con cera ormai colata sulla tovaglia, non è una bottiglia che galleggia nel ghiaccio sciolto, non è cibo cartonato ormai rinsecchito. Dunque, se lui è andato a prendere lei non può aver contemporaneamente allestito il tutto.

Ecco che interviene la televisione. Che ci nasconde subdolamente la presenza di una persona che lo ha aiutato, una persona fidata, che sa cosa lui vuole e che non sbaglierà, che agisce come se fosse lui stesso e che in caso di necessità può prendere decisioni che saranno quelle giuste. Deve essere, inoltre, una persona in grado di cucinare prelibatezze inenarrabili per predisporre al meglio gli animi al dopo cena. Una persona che, oltretutto, può avere grande influenza sul vostro uomo e che dunque dovete studiare bene.

Ma chi può essere questa persona? Perché se esiste sicuramente richiederà un compenso incredibile, alla portata di pochi e gonfi portafogli.

Dunque, il romanticismo è legato ai soldi? Qualsiasi donna vi potrà dire di no ed in effetti è così. Perché la soluzione del dilemma è assolutamente a costo zero. Quindi, grazie a questa persona, chiunque può realizzare una serata come questa per la sua amata. Avete già capito di chi possa trattarsi?

Beh, care donne, se vi siete trovate nella scena descritta e vi siete sempre ritenute fortunate perché il vostro uomo è un romanticone, cercate di ripensare ai dettagli di quella sera.

Per caso era una serata freschina ed avete trovato a vostra disposizione un golfino o una canottiera? Avete notato che c’era un paio di mutande pulite supplementari per lui? E nel menu avete fatto caso se c’erano i suoi piatti preferiti, tipo le lasagne, i peperoni ripieni, la tripla impepata di cozze?

Bene, se avete risposto di no vuol dire che non avete osservato bene i dettagli, perché suggestionate dall’atmosfera. Ma se ripensandoci avete riconosciuto uno o più di queste situazioni… beh… avete capito tutto.

La persona che ha reso possibile la serata, infatti, non è altro che la mamma del vostro uomo!!!

Pertanto, voi che sperate di vivere questa romantica esperienza, sappiate che tutto l’allestimento che troverete ad attendervi sarà opera della vostra potenziale suocera.

Quello che la televisione non vi dice è ciò che è successo poche ore prima dell’appuntamento.

Mamma: “Tesoro di mamma, te la preparo io la cena
Lui: “Grazie mamma, tu sei una cuoca speciale! Io pensavo di cominciare con delle ostriche…
M: “Ma quali ostriche??? Tuo padre mi ha conquistato con un riccio di mare pescato con le sue mani!
L: “Eh, ma sono afrodisiache… Dici che se vado a pescare ricci la faccio felice?
M: “Non sia mai, l’acqua è gelata, ti beccheresti un raffreddore! Vi faccio una bella caponata come piace a te, va bene?
L: “Ma mamma, non è troppo pesante?
M: “Dimmi tu… se pensi che quella lì sputerà sulla ricetta della buonanima della tua bisnonna allora…
L: “No, no, mamma ci mancherebbe… anzi, fai tu per la cena, ok? Senti, più che altro ti faccio vedere dove mettere queste candele
M: “Ma sei pazzo? Queste candele? Basta un soffio d’aria e si spengono! Guarda che belli invece questi lumini, protetti dal vento, così non si spengono neanche se soffia la bora
L: “Ma mamma, sembrano quelli del cimitero!
M: “E che problema c’è? Questi sono i lumini che metto pure sulla tomba del povero zio Alfredo, che infatti è sempre bella illuminata anche di notte. Certo, se pensi che lei possa trovare da ridire sul modo in cui illuminiamo il ricordo dei nostri cari…
L: “Ehm… no, mamma, certo che no. Va benissimo. Piuttosto, di là in camera da letto ho già fatto io non c’è bisogno che entri…
M: “E come no? Ho già sistemato tutto!
L (entrando in camera da letto): “Ma dove sono finite le lenzuola di seta? E i petali di rose???
M: “Ma quali lenzuola di seta!!! Ti ho messo la coperta cucita a mano dalla sora Adele del terzo piano, quella che ha lavorato 40 anni al materassificio
L: “Ma mamma!!! Questa coperta è pesantissima ed è pure brutta
M: “Non ti azzardare, sai? Razza di ingrato! Questa coperta salvò tuo nonno che vi si nascose sotto durante i rastrellamenti dei Nazisti, che poi non riuscirono a sollevarla e andarono oltre. Certo, se poi tu vuoi buttare alle ortiche la storia della tua famiglia…
L: “Ok, va bene anche la coperta, ma le rose… le avevo pagate un patrimonio!
M: “Meno male che ci sono io che ci penso. Tuo cugino Enrico è morto per una reazione allergica alle rose. Ha iniziato a starnutire e ne ha fatto uno così forte che gli è venuta una paresi che neppure quelli delle pompe funebri hanno potuto cancellare. Ah, che Dio mi fulmini se ti lascio correre questi rischi
L: “Sì, ho capito mamma. Senti, adesso allora puoi andare. Mi raccomando, quando arriviamo faccio finta di suonare il clacson per sbaglio e quello sarà il segnale per accendere le candele
M (uscendo): “Ah, ti ho stirato la giacca e ti ho messo un paio di mutande pulite nel taschino interno
L: “Perché?
M: “Perché lo sai quanto è pericolosa la caponata della bisnonna!

Ecco, vedete come è bastarda la tv? Vi nasconde tutta questa parte, che invece è bene conoscere.

Poveri uomini, ridotti al lumicino delle nostre (già scarse) facoltà mentali da un mondo fantastico creato ad arte contro di noi.

Ma adesso che conoscete la verità, care mie signorine, sappiate comportarvi di conseguenza. La prossima volta che il vostro spasimante vi farà una sorpresa del genere non abbiate paura di cercare nello sgabuzzino per vedere se c’è nascosta la vostra aspirante suocera.

E soprattutto, mi raccomando: non offendete la caponata della bisnonna!

Annunci

2 pensieri riguardo “Romanticismo: quello che la televisione non dice

  1. Esatto Chiara, hai colpito nel segno 🙂 Metti che un tuo spasimante ti faccia una sorpresa del genere, adesso sai come sospettare se c’è lo zampino della futura suocera e fai in tempo a dire “Scusa, ho dimenticato una cosa in macchina” e fuggire il più lontano possibile 🙂

    Mi piace

  2. Ma nooo: è caduto un mito! Hai ammazzato la mia anima romantica😁
    Aspetto le tue scuse, caro Lello!😊
    p.s. anche se so che l’hai fatto per noi donzelle, x metterci all’erta, perchè ci vuoi tanto tanto bbbbene!💖😁

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...