Di cornetto e cornuti


Io sono cresciuto (anche in larghezza) mangiando il cornetto Algida, o meglio divorando la cialda di cioccolato e nocciole e sopportando la panna grazie al cono nell’attesa del finale cioccolatoso. Che godimento.

Purtroppo, mi sa che questo rapporto amoroso si interromperà visto che l’Algida sembra essere passata dall’occuparsi di cornetti al pagare i cornuti. 

cornetto-620x264



Nel breve spot viene descritta in estrema sintesi la classica bella storia d’amore: la ragazza in questione, decisamente carina, nota un novello Michelangelo intento a dipingere un murales e ne rimane rapita. Talmente rapita da fregargli il cellulare e spararsi un selfie che lui scopre in un secondo momento (non ci è dato sapere se avrebbe preferito una bella foto delle tette) e decide di riprodurre la foto sulla facciata su cui sta lavorando.

La cosa lascia di stucco la ragazza, che a dire il vero fa una faccia un po’ poco entusiasta nel spot-cornetto-600x400vedere l’opera terminata: forse perché si rende conto che il suo amato è un Michelangelo un po’ del cazzo, visto che da carina l’ha trasformata nella cugina sfigata. Però ormai c’è, gli ha fatto pure consumare la vernice e alla fine si capisce che gliela molla e non se ne parla più.

Ovviamente, come vuole la tradizione, questa bella storia d’amore è accompagnata dalle note di una canzone, Vorrei ma non posto, che è il motivo per cui a me girano le palle ogni volta che la sento. In un passaggio dell’opera di J-Ax e Fedez (no, non FedEx, quella è una società per le consegne espresse!!!), che sicuramente diverrà una pietra miliare della canzone italiana, i due autori esprimono un concetto estremamente interessante:

Vorrei ma non posto

e ancora un’altra estate arriverà

e compreremo un altro esame all’università

e poi un tuffo nel mare nazionalpopolare

la voglia di cantare tanto non ci passerà.

Ora, io capisco che bisognerebbe sentire tutto il resto della canzone (che uscirà domani, quindi se stasera volete mettervi in coda e campeggiare davanti ai negozi di dischi siete ancora in tempo) e capisco anche che questo tipo di musica debba fare denuncia: capisco tutto quello che volete (o almeno ci provo), ma secondo me una frase come “e compreremo un altro esame all’università” non è una denuncia bensì da denuncia.

Eh sì, caro J-Ax e caro corriere espr… no, scusa, Fedez, a me fate girare le palle a scrivere una roba del genere. Forse li avrete comprati voi gli esami all’università, ammesso e non concesso che ci siate mai andati (non mi prendo neanche la briga di andare a controllare). Fate quello che vi pare, dite le vostre fregnacce, ma non offendete chi, come milioni di italiani ha speso/spende soldi in tasse universitarie e sudato/suda per prendersi una laurea. Lasciate perdere che poi questa laurea spesso non serva ad un beneamato cazzo, ma non potete prendere per il culo chi la laurea se la guadagna perché ci sono quattro coglioni che se la comprano.

Una frase come questa dipinge uno spaccato di quotidianità che esiste nelle vostre teste, ma non è che ogni famiglia italiana metta nel budget i soldi per comprare gli esami del figlio. Un po’ perché soldi ce ne sono sempre meno, un po’ perché per fare il vostro mestiere e far felici i vostri fan dovete sputare sul vostro Paese e sulla sua cultura ma non necessariamente ciò riflette la realtà.

Adesso mi rivolgo a voi che state leggendo queste righe (e quindi tanto sani di mente non siete): avete (dico in generale) spaccato le palle alla Barilla perché si è permessa di dire che l’idea aziendale di famiglia è “mamma + papà + figli” (anziché “mamma + mamma” o “papà + papà” o “crotalo + ippocampo”) e non vi tange che questi due si mettano a cantare che in Italia gli esami all’università si comprano?

Se è così, caro J-Ax e caro Fedez, sicuramente potrete fregiarvi anche voi del titolo di dottore, grazie ai soldi che riceverete per la vostra monumentale canzone, dai vostri fan e dalla Algida.

Che per quanto mi riguarda può andare a quel Paese tanto quanto voi.

“Vorrei ma non posto

e Lello a fare in cul vi manderà”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...