Non sono clandestini: forse sono delinquenti

Stavo ascoltando un servizio del Tg5 ed intanto preparavo l’insalata in attesa dell’arrivo di moglie e figlio. Ad un certo punto è partito un servizio sugli sbarchi di clandestini (ops, non si può più dire) in Italia. I soliti discorsi sui numeri, sui pro, sui contro. Poi il mio cervello capta una notizia nella notizia: non so quanti sono fuggiti nella notte prima di essere identificati. 

Lo so, non è una notizia, succede sempre così, non è una novità. Ma chissà perché proprio oggi c’è stato il click che mi ha fatto pensare: io li capisco, scappano da una situazione drammatica e cristianamente non posso pensare di non fare nulla. Però se vengono a casa nostra e scappano per non farsi identificare allora mi viene da credere che non sono clandestini: forse sono delinquenti. E per me possono tornare in mare.sbarco Continua a leggere “Non sono clandestini: forse sono delinquenti”

10 luoghi comuni sull’Italia e gli italiani

Inauguriamo oggi una nuova categoria di post: “10 luoghi comuni su…“.

Ogni giorno siamo circondati da maldicenze dettate dall’invidia nei confronti di qualcuno ed allora è bene sapere come stanno realmente le cose. Con questo scopo mi accingo a smascherare alcuni dei luoghi comuni e delle menzogne più atroci e meschine della storia dell’umanità.

Cominciando da ciò che riguarda l’Italia e gli italiani!

bandieraitaliacibo Continua a leggere “10 luoghi comuni sull’Italia e gli italiani”

Italiani all’estero: bon appétit!

Per me la vacanza in un posto che non sia casa mia significa anche assaggiare i piatti della cucina locale. Da qui il mio “bon appétit“.

Se per voi non è la stessa cosa vi avviso che potreste trovare noioso questo post. Perché la cucina fa parte della tradizione e della cultura di un popolo. E soprattutto, se non ci si concede qualche scappatella culinaria in vacanza quando ce la si può concedere?

Non sono uno che ha visto mezzo mondo, ma quando mi capita di essere all’estero evito accuratamente i ristoranti italiani, perché non mi va di mangiare qualcosa che potrebbe somigliare ad un piatto che posso mangiare quando voglio a casa mia. Mi piace sperimentare, lasciarmi incuriosire, scoprire che esistono altre ragioni per vivere oltre alla carbonara, l’amatriciana, la gricia, le pappardelle al cinghiale, la pizza, ecc.

E mentre penso a queste cose riservo un minuto di silenzio per quelle persone che dicono che all’estero non riescono a mangiare. Continua a leggere “Italiani all’estero: bon appétit!”

Italiani: navigatori, allenatori ed esperti di Diritto Canonico

Il prossimo che dice che noi italiani siamo un popolo di allenatori di calcio, perché al bar ne parliamo tutti come se fossimo grandi esperti, lo fulmino.

Non perché non abbia ragione, ma perché deve precisare che siamo “allenatori ed esperti di Diritto Canonico“.

Sì, perché dopo la notizia bomba di ieri sulle “dimissioni” del Papa è tutto un fiorire di commenti che vanno oltre il parere personale, rientrando sul “deve partecipare al Conclave”, “non deve partecipare”, “sarà Cardinale”, “non sarà Cardinale”, “ha il diritto di rinunciare”, “non poteva rinunciare”, ecc ecc.

Fermo restando che sulla possibilità di rinunciare al pontificato il Diritto Canonico parla chiaro, per il resto mi chiedo: perché sentiamo l’irrefrenabile voglia di parlare anche di cose che non conosciamo e che sono non soltanto estremamente specifiche (come, appunto, il Diritto Canonico) ma in gran parte assolutamente non previste da alcuna normativa (secondo voi c’è scritto da qualche parte che il Papa può/non può partecipare al Conclave se, di norma, questo si candida a Papa morto???)?

Quindi, da domani, si prega di prendere nota che alla voce “italiani” si dovrà specificare: “popolo di Santi, artisti, navigatori, allenatori di calcio ed esperti di regolamenti della Santa Sede“.