Le prime chicche del nuovo anno

Dopo mesi di colpevole assenza da questo blog, rieccomi per raccontarvi le mie prime chicche del nuovo anno. Lo so che starete commentando con un bel “chi se ne frega“, ma in un momento in cui stiamo tutti togliendoci gli aghi di abete dalle mutande (consapevoli che li ritroveremo ovunque per anni e li aggiungeremo a quelli dei lustri precedenti) tornare indietro di qualche settimana non può far male. No?

20160101_164000 Continua a leggere “Le prime chicche del nuovo anno”

Romanticismo: quello che la televisione non dice

Dobbiamo renderci conto che l’uomo, inteso come maschio, fa parte di una categoria che dovrebbe essere più tutelata, perché si rischia l’estinzione. Non oggi, non domani, ma fra un po’ di tempo.

E la colpa di chi è? In gran parte della televisione, che non dice tutta la verità ma, al contrario, presenta una realtà artefatta e nasconde abilmente cosa c’è dietro il sipario.

Pensate, ad esempio, all’idea di romanticismo che ci propone la televisione e riflettete. Abbiamo già discusso di alcuni aspetti che sono al limite della fattibilità nella vita reale quando si parla di proposte di matrimonio (cliccate qui), ma c’è una scena che di sicuro chiunque di voi ha visto almeno una volta nella vita e nel farlo ha pensato “Wow, che figata, anch’io!!!“. Descrivo la scena: lui la va a prendere, la porta in un posto sperduto, oppure nel suo appartamento o comunque in un luogo in cui i due piccioncini saranno soli soletti. Che poi, apro e chiudo una parentesi: continuiamo a parlare degli innamorati come dei piccioncini, ma io spero che contrariamente agli animali veri e propri non mi vengano mai a scagazzare sulla macchina.

869e9a284cb08770b58562ef982b9778

Continua a leggere “Romanticismo: quello che la televisione non dice”

Di Principi Azzurri e proposte di matrimonio

Avete ricevuto l’anello dal vostro ragazzo e incontrate i vostri amici, che si divideranno in due gruppi: gli uomini, che vi chiederanno se avete già deciso la data, e le donne, che, invece, vi faranno una domanda. La domanda. “Come te lo ha chiesto?“.

Questo mi porta al nocciolo della questione: la proposta di matrimonio. Cioè, come farla.

Mica roba da ridere, grazie soprattutto a film e telefilm americani contro i quali dovremmo sporgere denuncia. 

Continua a leggere “Di Principi Azzurri e proposte di matrimonio”

Il matrimonio: la sobrietà è tutto

Le donne lo sanno e lo sanno anche gli uomini: nell’organizzare un matrimonio la chiave di tutto è la sobrietà.

Ma faccio una domanda alle donne: avete mai sognato di avere un matrimonio in cui arrivate in chiesa su una carrozza trainata da tre coppie di cavalli bianchi e vi presentate agli invitati indossando una scintillante tiara ed un abito da principessa con tanto di gonnellona e paggetti che vi portano un chilometrico velo?

No, aspettate, ho sbagliato domanda. Forse meglio rivolgermi ai colleghi maschi.

Cari uomini: avete mai sognato di andare ad un matrimonio  dove l’alcool scorre letteralmente a fiumi, lo sposo è spesso ubriaco già in chiesa ed il ricevimento è strapieno di ragazze di 18-25 anni seminude ed intente a ballare in maniera provocante fissandovi negli occhi?

No, no, non va bene neanche così!

Ok, ci sono: avete mai sognato di rendere il vostro matrimonio una grottesca imitazione del Rocky Horror Picture Show?

Ecco, questa è la domanda giusta. Perché se avete risposto di “sì” a questa domanda allora spero che non vi siate mai persi una puntata de Il mio grosso grasso matrimonio Gypsy.

Continua a leggere “Il matrimonio: la sobrietà è tutto”

L’anniversario è uno di quei giorni in cui…

Dopo un periodo in cui ho un po’ trascurato questo blog, riprendo il filo in un giorno speciale, quello del mio anniversario di matrimonio. Si tratta di uno di quei giorni in cui ti trovi a dire “Cavoli, sono già passati X anni“, ed automaticamente fai un conto di quanto stai invecchiando e capisci che c’è un motivo se ti si blocca la schiena, indipendentemente dalla tonnellata (letterale) di legna sistemata pochi giorni prima.

Ne approfitto per dare un consiglio a chi ancora non è sposato e viene invitato a matrimoni in questo periodo: evitate commenti assassini sugli sposi e sulle decisioni che, secondo voi, sono inopportune, perché che vi piaccia o no al 95% vi troverete anche voi a sposarvi tra giugno e agosto. Seguite il mio consiglio e vi risparmierete le domande del tipo “Ma non avevi detto che ti saresti sposato col fresco?“.

Ricordo che avevo pianificato la giornata in maniera assolutamente perfetta sia per non essere preso dall’ansia del momento sia per scansare il caldo eccessivo. Mattinata dedicata alla famiglia, poi ritiro spirituale. Un bel film in solitario e poi, con la messa prevista alle 16:30 nella chiesa distante poche centinaia di metri, trasferimento in hotel nella camera dei miei genitori, proprio davanti alla chiesa, in modo da vestirmi lì ed affrontare il caldo solo negli ultimi 100 metri e non arrivare pezzato all’altare. 

Altro consiglio: se pensate di fare qualcosa di simile… ricordatevi di prendere i gemelli!!! Cazzarola, pantaloni infilati, scarpe pure, camicia semi – abbottonata… e mi accorgo di non avere i gemelli. Mio padre si offre di darmi i suoi ed io sorvolo sulla domanda “E tu cosa ti metti???“. Oltretutto, a furia di fare le cose studiate al minuto, resta una manciata di secondi per tornare a casa, prendere i gemelli, rientrare in albergo, vestirmi ed essere pronto per gli scatti che il fotografo mi dedicherà prima di fare ciò che ognuno si aspetta e cioè lasciare lo sposo al suo destino ed avere occhi (o obiettivi) solo per la sposa.

Tolgo la camicia, via i pantaloni e le scarpe, metto i jeans, la maglietta e le scarpe da ginnastica.  Mi precipito per le scale facendo attenzione a non volare per terra perché presentarsi alle foto di rito come dopo una decina di round con Tyson non è bello.

Corro verso casa, sono sì e no 500 metri ma li affronto con l’impegno di Rocky sulla scalinata di Philadelphia; solo che le mie gambe sono rigide come quelle di Apollo Creed dopo le tranvate di Ivan Drago. Torno al passo, molto meglio così, perché sento che Pistorius controlla le protesi molto meglio di come io possa gestire in questo momento le mie gambe.

Prendo i gemelli e via, sul percorso inverso. Non che sia cambiato molto, perché ho ancora la flessibilità di un burattino; ma d’altra parte, se non arrivo in tempo per beccare il fotografo posso dire addio a qualsiasi ricordo del pre-cerimonia. Con un impeto di orgoglio e pensando al formaggio di fossa che mi aspetta per cena, compio lo scatto finale. Supero in agilità i parenti di mia moglie salutandoli al volo senza fermarmi e sperando che abbiano capito quello che ho detto loro. So che non è il massimo, soprattutto perché la prima volta che mi vedono e rischio seriamente di passare per scemo. Ma prima o poi lo capirebbero comunque.

Perfetto, sono in tempo. Sì, è anche vero che adesso grondo sudore che sembro un porco ricoperto di sugna. Scrocco la doccia ai miei, poi mi vesto. Porto la boutonnière al mio testimone, che ha la stanza nello stesso albergo. Lui sta entrando sotto la doccia: non c’è male, tra 20 minuti mi sposo.

Ok, si parte, carovana a piedi con genitori, zie e cugini per raggiungere la chiesa. Saluti di rito, come va, come non va, che fai stasera (come sarebbe “che fai stasera?”???). 

Ci siamo. Non tutti, però. Mio padre inizia a chiedere dov’è il mio testimone. Io lo rassicuro: “Ha la stanza nel vostro hotel, ci mette un minuto ad arrivare“. Il più è partire.

La sposa sarebbe in perfetto orario, se non fosse che il suo testimone la chiama e le dice “Ferma dove sei, manca ancora il testimone di Lello!“. Ma eccolo che spunta nel parcheggio, infilandosi la giacca, ridendo e facendomi segno col pollice che è tutto ok. Grande! Per questo è il mio testimone.

Via, tutti dentro, arriva la sposa, quindi è il mio momento di entrare insieme a mia mamma. Percorro la navata come avevo sempre immaginato, sulle note dell’Aria sulla IV Corda di Bach,  della quale mi sono innamorato da piccolo seguendo SuperQuark. Certo, mi fa specie che non compaia Piero Angela da qualche parte in chiesa, ma me ne farò una ragione. Così come mi farò una ragione della gente che piange. Cazzarola, io sto lottando per non commuovermi e mi fate vedere i lacrimoni? Se mi fossi messo a dieta vi sareste presentati con pizze e polpettoni???

La mia espressione più normale prima della cerimonia.

La mia espressione più normale prima della cerimonia.

Ok, sono all’altare. Ecco che entra la sposa. Sono curioso, non so se l’abito che ho scelto le piacerà, ho un mezzo tight ma non quello standard con il panciotto grigio. Io lo adoro ma vorrei lo adorasse anche lei. Avanza, ma vedo che non mi guarda. Ecco, lo sapevo: non le piace e sta pensando “Ma tu guarda che cosa si è messo per il matrimonio!!!”.

Invece scoprirò solo dopo che non mi guardava per non commuoversi. averlo saputo prima avrei qualche anno di vita in più adesso. E sono convinto che anche la mia schiena starebbe meglio. Anche perché quando vedi tua moglie entrare in chiesa, bellissima, e pensi che tu sei un pirla… ti viene da chiedere tempo e improvvisare un piano B. Che non c’è.

Ecco, una volta arrivata anche lei all’altare è filato tutto liscio. Sì, qualche discussione per la sistemazione dei posti, perché c’è sempre chi vuol fare di testa propria, ma sono bazzecole.

Insomma, tutto questo per dire cosa? Che anche se l’anniversario è uno di quei giorni in cui ti trovi a pensare “Cavoli, sono già passati X anni“, è anche il giorno in cui ti accorgi che certi momenti, anche se sono passati X anni, non si scordano mai.

Renesmee: arriva da Twilight il nuovo nome per le bambine

Ieri pomeriggio abbiamo ricevuto la notizia che tanto aspettavamo: Kate è incinta. Parte il toto-nome. Trascorsi i primi minuti di euforia con tappi di prosecco, champagne e chinotto che saltavano da ogni parte, ma soprattutto una valanga di chissenefrega, ognuno è tornato alla propria vita.

Certo, una nascita è sempre una bella notizia, non ci sono dubbi. E in tema di nascite ieri sera io e mia moglie ci siamo guardati la prima parte di Breaking Dawn, l’ultimo episodio della saga di Twilight. (Che collegamento, eh?)

Non siamo appassionati della serie, ma come tanti ci siamo trovati ad aver visto gli episodi precedenti e quindi un minimo di curiosità c’era. A me avevano detto che finalmente Bella Swan(pita) e “manico di scopa”, alias Edward Cullen, avrebbero trombato ed ero curioso di vedere se, almeno in quel momento, la protagonista sarebbe riuscita a mostrare un’espressione diversa da quella statica dei primi due film. In realtà lei ha sempre l’aria da funerale del gatto e la mantiene anche quando arriva all’altare; lui almeno si concede un rialzo dell’angolo della bocca in qualche frame. Continua a leggere “Renesmee: arriva da Twilight il nuovo nome per le bambine”

Corso prematrimoniale, contraccettivi e "metodo Billings"

Decidere di sposarsi è un bellissimo sguardo verso il futuro, ma ovviamente comporta alcuni passi da compiere. Rito civile o religioso che sia, ci sono comunque degli adempimenti burocratici ai quali non ci si può sottrarre.

Ma per chi sceglie di sposarsi in chiesa c’è un ostacolo da superare: il corso prematrimoniale.

Detto così sembra di parlare di un esame, ma in realtà, per quanto venga rilasciato un attestato, si viene “rimandati” solo se non si frequenta. La preoccupazione generale, però, non è tanto quella di superare il corso, quanto piuttosto di sopravvivere ad esso. Continua a leggere “Corso prematrimoniale, contraccettivi e "metodo Billings"”